CON TERREPADANE CONTINUA L’EVOLUZIONE TECNICA NEI CEREALI

Questa azienda agricola, per il secondo anno consecutivo, con il prezioso lavoro dei titolari i fratelli Giampiero e Lucia coadiuvati dai loro rispettivi figli si è resa protagonista e braccio operativo per la realizzazione di un apprezzatissimo campo di confronto varietale.  Il campo ha ospitato 24 parcelle di 300 mq ciascuna, 8 di queste riservate a varietà di Grano duro e 16 riservate a Grano Tenero.
Le aziende sementiere che hanno fornito il seme per le varietà in prova sono state otto e sono le più importanti del panorama cerealicolo nazionale, in ordine alfabetico Apsov, Isea, Limagrain, PSB (Produttori Sementi Bologna), RAGT, Semetica, Semia e SIS (Società Italiana Sementi).
Questo campo è fondamentale per Terrepadane poichè vengono valutate le migliori nuove varietà frutto delle attività di selezione operate dalle aziende sementiere.
<Vengono valutate le caratteristiche agronomiche quali capacità di accestimento, rusticità, capacità di adattamento ai nostri areali, tolleranza e resistenza al freddo, alle avversità atmosferiche e alle principali fisiopatie e alle caratteristiche merceologiche richieste dalle aziende di trasformazione agroalimentari come tenore proteico, elasticità e forza dell’impasto derivato dalle farine, oltre logicamente alla capacità produttiva> spiega Giorgio Mazzoni, Responsabile Agronomico del Consorzio.
<Le varietà più performanti – spiega – vengono poi proposte alle aziende agricole negli anni successivi. La collaborazione con Basf nel campo varietale permette a Terrepadane di valutare sui cereali a paglia nuove linee di diserbo e di difesa, oltre che di trattamento in concia sul seme>.
<Nel campo varietale sono state effettuate anche prove di concimazione con fertilizzanti granulari di nuova tecnologia, in questo caso della ditta Nutrien con la linea One e Nutritec Top> prosegue Mazzoni.
<Sulle colture sono stati aggiunti, con ottimi riscontri, al momento del diserbo e del trattamento fungicida sulla spiga, i nuovi concimi fogliari della linea Nutri-elle di Terrepadane. Questi formulati avendo un equilibrato rapporto di componenti biochimicamente attive hanno un’azione positiva sull’attività fisiologica e nutrizionale della pianta>.
Terrepadane opera da anni in filiera con le principali aziende molitorie e questo lavoro di scelta varietale viene apprezzato dai molini stessi che beneficiano del miglioramento varietale e quindi, dei derivati dalla lavorazione della granella che ne deriva. Le filiere emergenti parlano sempre più di sostenibilità e attenzione all’ambiente (riduzione degli input chimici) e per questo motivo sono necessarie varietà di elevata efficienza produttiva e qualitativa che riescono ad esprimersi al meglio a parità di mezzi tecnici utilizzati in campo. Questo aspetto si traduce di conseguenza in una sostenibilità economica che permette di migliorare il profitto delle aziende agricole.
<L’innovazione è alla base della crescita e dello sviluppo della nostra agricoltura e porta al miglioramento della tecnica agronomica – commenta il Direttore di Terrepadane Dante Pattini presente al campo. <Nel caso specifico dei cerali a paglia parliamo di miglioramento varietale>.